Spalla: la frattura della clavicola

Spalla: la frattura della clavicola

La clavicola è una delle principali ossa della spalla. La frattura della clavicola rappresenta il 35% di tutte le fratture del cingolo scapolare e colpisce con maggiore frequenza l’uomo (M:F 2>1).

Cause della frattura della clavicola

Le cause di frattura possono essere:

  • da caduta accidentale (pazienti anziani),
  • trauma sportivo (paziente giovane),
  • trauma stradale (non correlato all’età),

più o meno gravi a seconda dell’entità dell’urto diretto sulla spalla. Una collisione può provocare una frattura senza che i frammenti si spostino (frattura composta) o una frammentazione con lo spostamento (frattura pluriframmentaria scomposta).

Diagnosi della frattura della clavicola

Per rendersi conto dell’effettiva rottura, che provoca forti dolori e impossibilità di movimento, serve effettuare una radiografia. In questo modo si noterà la sede esatta della frattura e la sua gravità.

Trattamento chirurgico e non

Nei casi più lievi ( frattura composta), la frattura della clavicola può essere trattata con l’utilizzo di un tutore (denominato a otto per la sua forma) che limita i movimenti dei capi ossei e permette la guarigione.

In taluni casi invece i frammenti ossei si spostano maggiormente determinando una scomposizione della frattura. Quando questo avviene, bisogna intervenire per riposizionare chirurgicamente le ossa fuori posto. L’utilizzo di mezzi di sintesi metallici (placche in titanio e viti) permette di ridurre (cioè riposizionare l’osso nella sua normale sede) e consente un’armonica guarigione.

La fase post operatoria

Com’è noto, i bambini hanno una ricalcificazione, e quindi un recupero, in circa 3-4 settimane. Negli adolescenti questo tempo raddoppia e negli adulti si arriva fino a 10 – 12 settimane prima di che il callo osseo sia meccanicamente stabile.
In generale, i movimenti quotidiani possono riprendere gradualmente già a 4-5 settimane, sempre con l’aiuto di un fisioterapista che oltre alla clavicola tratterà le strutture che con essa si muovono (spalla, clavicola, regione pettorale); mentre per le attività sportive di contatto bisogna aspettare la completa guarigione (6-8 mesi).

By |2018-12-29T16:58:55+00:00ottobre 31st, 2018|Blog, Spalla|0 Comments

Leave A Comment